ARSAC - SITAC

Cerca

Vai ai contenuti

L’ATTIVITA’ DELL’ARSSA NEL SETTORE DEI GIS

IL SITAC




L'agricoltura, con sempre maggiore evidenza, è chiamata ad assumere un ruolo multifunzionale. Alla tradizionale funzione di produzione di beni alimentari deve associarsi quello di fornitrice di servizi finalizzati alla salvaguardia delle risorse naturali, alla fruizione ambientale, all'igiene delle produzioni ed al recupero della tipicità e della qualità globale.

La conoscenza puntuale del territorio, da perseguire con approccio multidisciplinare, rappresenta, in questa direzione, una scelta strategica di importanza fondamentale.



A questo scopo l'ARSSA Calabria (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e per i Servizi in Agricoltura) sta conducendo un programma di attività nel settore dello studio delle risorse ambientali con riguardo particolare all'acquisizione di conoscenze sulla risorsa suolo.

L’obiettivo primario dello sviluppo del sistema agricolo è perseguito attraverso due distinti approcci: da una parte, con la divulgazione agricola vera e propria e con l’attività di ricerca applicata svolta presso i CSD, si mira a dotare gli agricoltori di strumenti e metodi innovativi in grado di incrementare i trend di sviluppo del settore; dall’altra, svolgendo attività di supporto alla pianificazione regionale, si mira ad intervenire sui problemi strutturali che affliggono il settore specifico.

I Servizi Tecnici di Supporto dell’ARSSA svolgono il ruolo di produrre ed organizzare alcune basi cognitive fondamentali per tale processo di sviluppo. In particolare:

- il Servizio Agropedologico, cura lo studio del territorio regionale sia sotto l’aspetto dell’utilizzazione reale che di esso viene fatta, sia sotto l’aspetto della natura e delle potenzialità dei suoli, quindi della loro utilizzazione, che delle problematiche in essi presenti (attitudine allo smaltimento dei reflui, desertificazione, carenze idriche, fabbisogno irriguo, ecc.);

- il Servizio Agrometeorologico cura il rilievo e la modellazione del sistema meteoclimatico regionale per gli aspetti di rilevanza agricola e lo studio dello sviluppo delle principali specie coltivate in relazione ai fattori meteorologici.



IL SERVIZIO S.I.T.A.C. (Sistema Informativo Territoriale Agricolo della Calabria)

La mole di dati prodotta dagli studi svolti sul territorio dalle strutture sopra brevemente descritte rende di fondamentale importanza l’organizzazione delle informazioni, altrimenti non gestibili, per mezzo di sistemi informativi. In particolare, essendo le informazioni tutte strettamente connesse alla loro localizzazione geografica, è necessario utilizzare sistemi informativi in grado di gestire non solo l’informazione pura, ma anche la sua localizzazione territoriale in termini di posizione, forma e natura.

L’ARSSA opera nel settore dei GIS (Geographic Information System), ormai da molti anni, avendo iniziato l’attività alla fine degli anni ’80. La struttura dell’Agenzia che si occupa di gestire tali sistemi è il servizio SITAC con sede a Reggio Calabria, facente parte del Settore Servizi Tecnici di Supporto dell’Agenzia.

Obiettivo primario del Servizio è quello di gestire le informazioni territoriali prodotte al proprio interno, dagli altri Servizi Tecnici di Supporto e da altre Strutture dell’ARSSA. L’azione del SITAC è finalizzata alla progettazione, generazione, organizzazione e gestione delle banche dati, dalle quali, in funzione delle esigenze contingenti, possono essere elaborate e prodotte informazioni derivate, anche di natura cartografica, di molteplice contenuto.

Gli ambiti principali di attività del SITAC sono essenzialmente quattro:

- la gestione della cartografia e banca dati relative ai suoli della Calabria, rilevati dal Servizio Agropedologico;

- la gestione della cartografia e banca dati relative all’uso reale del suolo, a diversi livelli di dettaglio, sino alla produzione di cartografia fitosociologica;

- la gestione di data base meteoclimatici della regione prodotti ed elaborati dal Servizio di Agrometeorologia;

lo sviluppo di modelli di analisi dei dati e di calcolo, sino allo sviluppo di interfacce utente specializzate, allo scopo di consentire alle strutture dell’Agenzia di utilizzare le basi dati nelle attività d’istituto.

L’attività del Servizio SITAC rappresenta pertanto, la produzione di dati nonché l’aggregazione e sistematizzazione delle informazioni realizzate dai Servizi Tecnici di Supporto e dalle altre strutture dell’Agenzia;



Le attività:

— Acquisizione cartografie e dati;

— Gestione di banche dati di informazioni correlate tra loro sia in termini logico-relazionali che topologico-posizionali;

— Modellazioni sulle banche dati territoriali così costituite allo scopo di elaborare informazioni cartografiche derivate (ad esempio carte di rischio, di attitudine, ecc.);

— Realizzazione progetti in ambito agricolo, ambientale, SIT finalizzati al POR (Programma Operativo Regionale);

— Collabora con le altre strutture dell’Agenzia allo scopo di fornire ad esse non solamente le informazioni loro occorrenti e disponibili ma anche di definire logiche congiunte di utilizzazione di tali informazioni;

— Sviluppa procedure informatiche di elaborazione dei dati sulla base di modelli teorici allo scopo di fornire agli utenti delle banche dati supporti alle attività decisionali;

— Pubblicazione dei progetti sul WebGis :

I suoli della Regione Calabria - Vulnerabilità dei Suoli da nitrati di origine agricola - Attitudine dei Suoli allo spargimento dei reflui oleari - I suoli del comprensorio vino DOC Cirò - I suoli del comprensorio di Lametia T. - BIODIS ( Biodiversity Information System ) - Vegetazione Reale di Monte Mancuso -



rapporti con l’esterno:

— Collabora con la Regione Calabria, con altri enti sub-regionali, province e comuni per fornire, su richiesta, dati ed elaborazioni utili alle attività d’istituto di tali Enti;

— Collabora con le Università nazionali ed in particolare quelli della Regione Calabria, sia per l’attività didattica (lezioni, stage e visite guidate), sia, sulla base di accordi programmatici, come centro di formazione e laboratorio per l’attività di tirocinio.

— Fornisce, su richiesta delle Università, cartografie ed informazioni elaborate dalle proprie banche dati a supporto di progetti di ricerca;

— Fornisce, su richiesta degli Enti regionali e sub-regionali, cartografie ed informazioni elaborate dalle proprie banche dati a supporto di progetti e della attività di pianificazione regionale.

— Fornisce ai liberi professionisti cartografie conformi alle direttive CEE ed alle leggi regionali, per la propria attività istituzionale.

i progetti:

— Partecipa a progetti comunitari, nazionali e regionali, sia in qualità di proponente sia in quanto soggetto invitato a far parte di gruppi di lavoro;

— Partecipa, con i propri componenti, a manifestazioni nazionali e regionali del settore illustrando i risultati raggiunti, gli studi e le pubblicazioni realizzati;

— Fornisce dati ed elaborazioni al sito web dell’Agenzia allo scopo di consentire la massima diffusione ai lavori svolti dall’ARSSA nel settore della conoscenza territoriale;

— Collabora con Istituti scolastici della Regione per organizzazione di visite guidate e brevi seminari sul tema dei sistemi informativi territoriali, della gestione del territorio e della protezione dell’ambiente.

ARCHITETTURA HARDWARE E SOFTWARE DEL SITAC

L'architettura di un SIT (Sistema Informativo Territoriale) è complessa ed il GIS (Geographical Information System) è soltanto uno dei suoi componenti software. Molti autori considerano il GIS ed il SIT equivalenti. In Italia alcuni studiosi preferiscono invece differenziare i due termini. Si definisce GIS il programma di gestione di banche dati territoriali che è posto al servizio di un SIT. Si definisce SIT un sistema di banche dati (dati – programmi – competenze – hardware) organizzato utilizzando un GIS.



La logica organizzativa del SITAC è quella della gestione distribuita del sistema e dei processi di pre-elaborazione e post-elaborazione. In tale ottica è riveste un’importanza centrale la possibilità di gestire flussi di dati tra le diverse stazioni e periferiche costituenti il sistema. Per tale motivo è stata progettata e realizzata dai tecnici del SITAC una LAN (Local Area Network), cioè una rete locale, che interconnette le apparecchiature del centro.

Le apparecchiature sono collegate in rete locale con collegamenti in categoria 5E (100Mb/sec) attraverso uno switch modulare HP 4000, dotato di 50 connessioni RJ45. Tutto il traffico è monitorato da un firewall hardware WatchGuard opportunamente configurato. Il collegamento con l’esterno è in ADSL ad 1Mb/sec attraverso un modem CISCO.



La rete comprende collegamenti anche tra sistemi Windows (XP, 2000, NT, 98 e 95) e sistemi Unix (SunOs – Solaris). Si utilizza a tale scopo, in ambiente TCP/IP, una connessione di tipo FTP per il trasferimento bidirezionale di dati, e una connessione LPD, per attivare funzioni di server di stampa. Un antivirus di rete è installato sul server e continuamente aggiornato.

Il server primario è una macchina biprocessore DELL PowerEdge 2500, dotata di 1,5 GB di RAM e di tre unità a disco SCSI da 73GB ciascuna montate in modalità RAID 5. Il Sistema Operativo adottato è Windows 2000 server. Su questo server risiedono le banche dati e il programma ArcGis 8.1. Un secondo server, più datato, è in rete. Si tratta di una workstation SUN Ultra 10, dotata di processore RISC e tre dischi SCSI per complessivi 12 GB circa. Il Sistema Operativo è SunOS 5.6, sistema proprietario della famiglia UNIX. Sulla macchina è installato il GIS ArcInfo 7.1 workstation.

Il sistema comprende due stazioni per le acquisizioni raster, la georeferenziazione e le conversioni raster-vettore. Gli scanner utilizzati sono due modelli a rullo, in formato A0, in grado di acquisire sino alla risoluzione massima di 800 dpi, rispettivamente in b/n ed a colori.

Alcuni Personal computer sono dedicate alle attività di fotointerpretazione, oggi soprattutto su ortofoto digitali a colori. Su tali macchine sono installati software di GIS leggeri, che possono essere utilizzati dal personale, (quando le licenze ArcGis sono impegnate), per tracciamenti, editing, visualizzazioni, correzioni, costruzioni di topologia, conversioni di coordinate, ecc. I programmi utilizzati sono principalmente ArcView 3.x e TnShArc 4.1, oltre a piccole utility per la visualizzazione di formati fuori standard (ecw), per la conversione di coordinate, ecc.

Servizio SITAC


Cartografia

Dr. Roberto Lombi (Resp.)
Dr Bruno Dattola
strumentazione di stampa;
layout di stampa;
standard di rappresentazione (tabelle/DB, tagli, legende, colori, generalizzazioni);
archivio della cartografia (digitale,cartacea, pubblicazioni GIS);
rapporti con l’esterno (richiedenti).

Rilevamento e validazione dati

Dr.ssa Angela Calabrò (Resp.)
Dr salvatore Zavettieri
rapporto con soggetti produttori di dati;
scanner;
georeferenziazione;
controlli di qualità e validazione;
caricamento dati alfanumerici;
archivio dati.

Elaborazioni Geoimmagini

Dr Domenico Caridi (Resp.)
fotointerpretazione;
vettorializzazione;
struttura delle legende (corine);
verifiche in campo;
analisi spettrali da immagini satellitari.

Modelli GIS Agro-Ambientali

Dr Paolo Paleologo (Resp.)
struttura DB;
elaborazione dati geografici ed alfanumerici;
sviluppo software ed interfacce;
elaborazioni DB e query.

Gestione WEBGIS

Dr Paolo Paleologo (Resp.)
Dr Antonino Surace
Sig Roberto Matteini
creazione progetti TerraNova tnp;
creazione pagine Html e codice scripting;
creazione progetti Web Gis;
realizzazione linee FTP;
gestione archivio dati.










Uso del suolo della provincia di Reggio Calabria
IndietroPlayAvanti

Home | New Gis | Old site | Progetto SITAF | P.S.R Condizionalità: GeoDatabase | Uso Reale del Suolo | Studi fitosociologici | Studi pedologici | Studi sulla biodiversità | Studi fitopatologici ed entomologici | L'ARSSA sul territorio | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu